Buio in sala! Biglietto n.16

Vista l’esplosione della bella stagione, di film se ne vedono sempre meno (o siamo in giro o mi addormento clamorosamente davanti alla tv). Io però continuo a partecipare alla rubrica di NxD, che di film belli se ne trovano sempre. Vai col liscio!

Rapunzel-L’intreccio della torre

Raperonzolo, o meglio Rapunzel, non doveva nascere, troppo male stava la madre (Regina) durante le doglie. Fortunatamente però i soldati sguinzagliati dal padre (il Re) in tutto il regno avevano trovato il fiore dai poteri taumaturgici sbocciato da una goccia di sole caduta sulla Terra, e l’infuso con esso realizzato la curò. Nacque così una bambina dalla folta chioma che ereditò i poteri della pianta che l’aveva aiutata a nascere. Quello che i regnanti non sapevano era che il fiore era stato fino a quel momento usato da una donna malvagia, la quale da centinaia d’anni se ne serviva per tornare giovane ad ogni segno d’invecchiamento. Proprio lei, non rassegnata ad invecchiare senza il potere del fiore, rapisce Rapunzel e la chiude in un torre nascosta nel bosco, luogo conosciuto solo a lei, in cui poter evocare indisturbata e ad ogni esigenza, il potere ringiovanente dei capelli della bimba. Il giorno del suo diciottesimo compleanno però Rapunzel deciderà che è ora di smettere di seguire i consigli di quella che crede essere sua madre e di lasciare la torre per andare a vedere il mondo, in compagnia di un ladruncolo casualmente capitato nella sua gabbia dorata. (MyMovies)

Questo film è un capolavoro! E non parlo di cartoni per bambini, messi insieme per fare numeri al botteghino e far passare due ore ai nostri figli; parlo proprio di un opera cinematografica con i controfiocchi; i disegni e le animazioni sono spettacolari, il 3D finalmente serve a qualcosa di più che a farci venire il mal di testa (vogliamo parlare delle lanterne?) , le parti cantate sono delle piccole perle da musical, alcuni tratti fanno ridere a voce alta. Ogni singolo personaggio ha la sua precisa caratterizzazione, limata fino alla psicosi: cito su tutti il cavallo Maximus, espressioni e movenze degne di Jim Carrey. E poi: la leggerezza di Flynn Rider, la frustrazione di Madre Gothel, i due fratelli ladri stolti e ottusi. Ogni minuto di film è perfettamente inserito nella storia e confezionato come un pacchetto regalo; la protagonista è una donna forte e determinata, che non ha bisogno del principe azzurro per cambiare la sua vita, ma che si fa accompagnare alla scoperta del mondo che ha sempre voluto. Sa che bisogna soffrire, e allontanarsi da quello che per anni è stato il suo amato quotidiano, ma non ha paura: e i suoi capelli, dal forte potere emotivo ed affettivo, saranno il sacrificio perfetto per il futuro che l’aspetta. Beh in tempi di senonoraquando potrebbe essere un’ottima visione: diamoci una mossa!!!

Rapuuuunzeeel, sciogli i tuoi capeeeeelli!

Annunci

7 pensieri su “Buio in sala! Biglietto n.16

  1. LadeaKalì ha detto:

    Purtroppo non l’ho visto, e non credo potrò…in casa nostra (molto “maschia”) certa roba
    da femminucce non è consentita….;-D
    Magari nottetempo…quando i virili pargoli dormono…

  2. Grazie a Edo, ho visto e rivisto quel film: non posso che essere d’accordo con te: un capolavoro. Non credo sia un film per femmine, va benissimo anche per i maschietti, Edo adora il cavallo Maximus!!!

Lascia un segno:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...