Buio in sala! Biglietto n.20

Con settembre si ricomincia la rubrica di NxD, dove parlo di cinema in modo poco professionale e molto personale.

L’estate porta un allontanamento inevitabile dallo schermo del cinema e della TV (già ne vedo poca durante il resto dell’anno) e allora oggi torno ad uno dei film che stanno nella mia top ten preferiti.

Fight Club

Picchiarsi per stare meglio: questo l’assunto del film. Dopo il successo, in parte inaspettato, di Seven, Fincher ripercorre e perfeziona la violenza. Pitt è semplicemente il diavolo: forte, astuto, bello e violento. Norton ne rimane sedotto. Nota di costume sulla pratica di scaricamento delle tensioni con scarico di pugni. Machismo imperante. Suggestioni da palestra di pugilato. Ideologia atta a suscitare polemiche. Ben diretto e ben interpretato.Un film di David Fincher. Con Brad Pitt, Helena Bonham Carter, Edward Norton, Meat Loaf, Jared Leto.Drammatico, durata 139 min. – USA 1999. (MyMovies)

Signori, benvenuti al Fight Club.
– Prima regola del Fight Club: non parlate mai del Fight Club.
– Seconda regola del Fight Club: non dovete parlare mai del
Fight Club.
– Terza regola del Fight Club: se qualcuno grida basta, si accascia o
è spompato, fine della partita.
– Quarta regola: si gioca solo due per volta.
– Quinta regola: un boardgame alla volta, ragazzi.
– Sesta regola: niente camicia, niente scarpe.
– Settima regola: le partite durano per tutto il tempo necessario.
– Ottava e ultima regola: se questa è la vostra prima sera al
Fight Club… dovete giocare!

Chi non ha visto questo film alzi la mano! Giusto per sapere se qualcuno si è perso la bibbia di Tyler Durden. Per quanto riguarda l’aspetto filosofico potete rimediare leggendo il libro di Chuck Palahniuk, che è un autore strepitoso e policamente scorretto, cinico e sporco come piace a me.

Per quello che riguarda il film non ci sono alternative: ve lo prendete in dvd, vi ritagliate due ore solo per voi (niente bambini, mi raccomando, ogni pedagogo vi farebbe rinchiudere) e vi godete lo spettacolo. Un film serrato, visionario; un argomento spinoso trattato da un punto di vista unico e originale: è possibile superare le proprie frustrazioni con uno sfogo fisico? esiste qualcuno che si può prendere cura di noi e trovare la soluzione a tutti i problemi? quanto siamo operatori attivi della società in cui viviamo e quanto invece è costrizione e inganno?

Figh club ci mostra qualcosa di violento e meschino, personaggi dissennati e perdenti, scelte sbagliate e malate, oramai fuori controllo. Ma il confronto con la necessità di normalità e dell’amore di Marla diventa chiaro e lampante: non è la violenza protagonista di questo film, ma casomai il contrario.

Tutti gli attori danno interpretazioni ottime dei loro personaggi; Edward Norton insonne e psicotico, facile preda di mental coach urbani; una grande Helena Bonham Carter, che ancor prima di Bellatrix Lestrange, ci dimostra quanto possa diventare gotica e sopra le righe. E poi Brad Pitt-Tyler Durden che ci presenta una diavolo metropolitano schizzato e sexy, alter ego del protagonista creato per dare corpo alle visioni più violete e nichiliste.

Tu non sei il tuo lavoro, non sei la quantità di soldi che hai in banca, non sei la macchina che guidi, né il contenuto del tuo portafogli, non sei i tuoi vestiti di marca, sei la canticchiante e danzante merda del mondo!

Buona visione!!

Advertisements

7 thoughts on “Buio in sala! Biglietto n.20

Lascia un segno:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...