Felicità è un bicchiere di vino

Ma tu saresti capace di scrivere un libro?

Ma no, figurati, al massimo potrei dilettarmi in fiabe o racconti. Che poi sarebbero banali, poco originali e scarsamente interessanti.

Certo che ho fatto la descrizione di gran parte dei titoli usciti ultimamente (perchè io trovo sempre qualcosa per sfamare il mio ego già ingombrante).

E allora scrivo sul blog, che tanto è un diario personale e non lo legge quasi nessuno, perciò mi posso permettere qualche volta di lasciarmi andare, di non essere all’altezza. Se se, ne ho sentiti tanti di blogger dire così…

Ah però scrivo anche le recensioni, ma niente di professionale, solo un grande amore per la lettura e qualche battuta caustica se il libro non è di mio gradimento. Certo che lavorare per quel mondo pure gratis farei carte false. Ma senza preparazione dove vuoi andare.

Ok, ho capito tutti ripieghi, come per la volpe nella vigna.

Mediocri, classe inutile: meglio essere molto ignoranti, o molto cattivi, o molto belli, o puzzare tanto. Stare nel mezzo è come correre sul ghiaccio: più fatica fai, peggio cadi per terra.

Annunci

16 pensieri su “Felicità è un bicchiere di vino

  1. Gran bel post, Lucia…Mi hai fatto (sor)ridere, ma è una risata amara…quella della mediocrità è una sensazione che mi ha accompagnato a più riprese nella vita…in questi giorni anche io (come altri tre miliardi di persone) accarezzo l’idea di scrivere un libro, non certo Guerra e pace, perché ovviamente “non sarei all’altezza”…ma qualcosa di mediocremente spiritoso e leggero…poi, se pure dovessi cadere per terra, sono ben corazzata…:-DDD
    Un bacio
    Kalì – che voleva essere molto cattiva, molto intelligente e molto bella ma forse è solo molto pigra, molto impaurita nonché molto scema….

  2. sarà che vedo in giro tante cose mediocri spacciate per professionali e tante cose hobbistiche molto dignitose…
    è che dovremmo essere nati tutti ricchi, ma tanto eh, e cazzeggiare come più ci aggrada per il solo gusto di farlo

  3. polly ha detto:

    Quoto Silvia 🙂
    ma penso che non sia fondamentale essere il più qualcosa. Tanto per dire: i BEST sellers. Vorresti scrivere un BEST seller? Il mio portafoglio sì, il mio ego manco morto.
    Il mio ego vuole essere L. F. Cèline, non S. King. Però s’ha da campare, you know.

  4. tu cercherai di perdonarmi, ma io non lo so se ho capito veramente questo post e l’ho anche riletto 2 volte.
    è che vuoi scrivere un libro? e perchè no? lo farai a modo tuo, perchè dalla competizione si può anche tirarsi fuori, credo.
    A me stare nel mezzo piace 🙂

    • se ti consola anche altri mi hanno chiesto il significato del post.
      l’unica certezza è che vorrei fare diverse cose, ma ho dei parametri in testa a cui io non so arrivare: scrivo, mi sembra che sia un buon pezzo, e poi rileggendolo trovo sia una minchiata.
      insomma: cosa volevo dire non lo so, ma c’ho ragione!

  5. Be’, dai, già dal titolo sei partita bene… 😉

    p.s.: sai cosa penso di te, quindi mi astengo dal fare commenti pieni zeppi di complimentoni che potrebbero sembrare leccate di …, ok? 😉

  6. Cercare sempre di essere originale: me lo ripeto come un mantra da una vita e funziona. Che io non ho mica scritto Guerra e Pace e sono e sarò sempre anni luce da Céline. Ma a Moccia gli mordo gli stinchi senza problemi ecco 😉
    E gli antichi sono saggi, ma anche noiosi, secondo me 😉

Lascia un segno:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...