Il riassunto

Evoluzione delle notizie in questi ultimi due giorni.

Campagna elettorale: B vuole vincere restituendoci l’IMU e l’assassino di Laura Palmer, Monti vuole vincere restituendoci una parte dell’IMU, Bersani vuole restituirci Renzi.

Vaticano: il Papa si dimette, non ha la forza di continuare il suo mandato.

San Remo: Verdi in apertura, Crozza fischiato, Silvestri vince, due uomini si amano e vogliono sposarsi.

Due giorni: siamo passati vorticosamente tra notizie bomba, come in un grandioso roller coaster che si fa beffe del nostro stomaco.

Non si fa in tempo a digerire un’idea che subito ne sparano un’altra.

Attenti bene, il Pontefice dimissionario ci butta dentro la storia. Io sono anche andata a studiare i precedenti storici, mi perplime che Giovanni abbia tirato fino all’ultimo e invece Benedetto lasci così precocemente: ma ve l’immaginate che spinta turbo che deve avere la preghiera di milioni di cattolici che si preoccupano del loro capo? Ma nemmeno i flash mob partiti dalla rete vantano tanta partecipazione.

Stamattina bisogna rimettere un pò in fila le cose, fermarsi a capire: che poi se ti fermi sei perduto, perché nel frattempo i greci prendono d’assalto i supermercati.

Non c’è tempo per fermarsi, se spegniamo il cervello ci perdiamo i pezzi.

La quantità di informazioni è pari alla capacità di comprenderle, il filtro selettivo dell’attenzione permette di immagazzinare solo una parte della conoscenza. Scrivere aumenta la memoria.

Mi serve? Basterà per ricordare tutto e passarlo a chi verrà dopo? Poter dire io c’ero, confutare chi si permetterà le strumentalizzazioni.

Dare obiettivamente un sostegno di storia reale a mia figlia.

Dire alle generazioni future “no, ragazzi, la Litizzetto il manico non lo ha fatto perché glielo hanno scritto in scaletta, semplicemente non trovava niente di più intelligente”

Ad maiora.

5 thoughts on “Il riassunto

  1. Ci sono spunti che mi hanno colpito, Luci. Ma uno secondo me fotografa bene il nostro tempo: più informazioni di vario tipo, così tante che è difficile filtrare quelle importanti da quelle no. E’ un criterio vecchio come il mondo, l’ammuina (che se cerchi su google scopri essere un comando della regia marina borbonica). Bombardando di notizie le più disparate si nascondo, si mimetizzano quelle importanti. Fra la Litizzetto e l’assalto ai supermercati dei greci, probabilmente la seconda notizia è più importante per comprendere cosa sta succedendo a livello di economia europea, ma quanti attaccheranno il cervello per questo, deviati da sanremo e dal papa dimissionario?

    • eppure io preferisco avere di più che dover andare a cercare sotto il divano.
      io tra democrazia e dittatura scelgo sempre la prima, anche quando a parlare sono in troppi.
      io voglio poter decidere quale sia la notizia che mi interessa.
      certo, sempre che le informazioni a disposizioni siano vere🙂
      ho grande fiducia nel cervello dell’uomo, soprattutto mi brillano gli occhi quando vedo certi 18enni: so che loro sapranno scegliere.
      ma siamo noi a dovergli dare radici.

      • Di sicuro meglio troppo che poco. Ma non basta, e la ragione ce l’abbiamo sotto gli occhi. Perché nel troppo si rischia che la scelta, se non è educata, ricada sul piacevole e non sull’importante.
        I diciottenni di oggi temo non abbiano per niente quella capacità selettiva che tu vedi in loro, almeno ascoltando ciò che mi raccontano gli insegnanti di superiori che conosco. Anzi, loro vedono una progressiva incapacità a selezionare se non in base a criteri che sono più indirizzati ad altro che a capire il mondo che ci circonda. Non che sia drammatico parlare di sanremo, ad esempio. Ma di sicuro abbiamo più notizie su Corona che sulla situazione economica del Portogallo, ad esempio….

  2. io a volte mi sento ubriaca, cosa non tanto bella perchè se nel durante sono anche allegra e ci rido sù, dop mi viene l’ira. Anche a me perplime parecchio l’uscita di scena di Ratzinger.

Lascia un segno:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...